Autoanalisi della funzionalità epatica

Transaminasi (AST | GOT e ALT | GPT) e GGT

Il fegato, il più voluminoso organo viscerale del nostro organismo di peso circa 1,5 kg, è situato nella parte alta e destra dell’addome. Questo organo rappresenta una vera e propria “centrale chimica” con numerosissime funzioni.
Il fegato riveste un ruolo centrale nel metabolismo glucidico, lipidico e proteico, è un importante deposito di glicogeno, vitamine A, B12, D, E, K, sintetizza una gran parte delle proteine del plasma ed è responsabile del metabolismo e della detossificazione sia di composti endogeni che esogeni (ad esempio alcol, tossine, farmaci, ecc.).
Le transaminasi sono degli enzimi ubiquitari nel nostro organismo, particolarmente presenti nel fegato e nel muscolo scheletrico. Tra le varie transaminasi esistenti, quelle importanti dal punto di vista diagnostico sono: AST (Aspartato transaminasi, anche nota GOT) e ALT (Alanina transaminasi, anche nota come GPT). AST è presente in fegato, cuore e muscolo scheletrico, mentre ALT si trova principalmente nel fegato. In caso di danno, le transaminasi vengono riversate nel sangue dove la loro presenza aumenta. La causa praticamente esclusiva di innalzamento di ALT nel sangue è il danno epatico, mentre i livelli di AST possono aumentare oltre che per problemi al fegato anche per danno muscolare, infarto, eccetera. Dal momento che ALT e AST sono abbondantemente presenti nel fegato risultano molto importanti per rilevare danni epatici. Vengono considerati normali valori di ALT (GPT) inferiori a 45 U/L e di AST (GOT) inferiori a 40 U/L.
GGT o ɣ-GT (ɣ-Glutamil transferasi) è un enzima principalmente presente nel fegato. La determinazione di GGT nel sangue permette la diagnosi di malattie epatiche ed epatobiliari ed è preferita rispetto a quella delle transaminasi in quanto GGT aumenta più rapidamente in seguito ad un danno. GGT aumenta particolarmente nelle malattie ostruttive intra- e post-epatiche e in caso di infiammazione delle vie biliari o della cistifellea. Vengono considerati normali valori di GGT inferiori a 66 U/L.

Per sottoporsi al test è necessario essere a digiuno da almeno 8 ore.